Adunanza Plenaria – Consiglio di Stato – ordinanza 25 settembre 2013 – n. 21

Va sottoposta alla Corte di giustizia dell’Unione europea la seguente questione pregiudiziale di corretta interpretazione: “se i principi dell’Unione Europea in materia ambientale sanciti dall’art. 191, paragrafo 2, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea e dalla direttiva 2004/35/Ce del 21 aprile 2004 (articoli 1 e 8, n. 3; tredicesimo e ventiquattresimo considerando) – in particolare, […]

Legge penale nazionale e diritto comunitario: “la strana coppia”

Una marcata evoluzione dottrinale e giurisprudenziale si riscontra nel campo di interferenza fra diritto penale e diritto comunitario: il problema è di recente emersione, ma destinato ad assumere in futuro dimensioni sempre più sostanziose. Un punto di partenza “fuori discussione” è che gli organismi istituzionali della Unione e della Comunità sono a tutt’oggi carenti di […]

Nascituro e contratto con effetti protettivi del terzo: la responsabilità da contatto sociale

Il caso delibato dalla sentenza sottoindicata (Cass. civ. n. 11503/1993) attiene alla colpa medica nel parto a causa della quale si è determinato un danno irreversibile al neonato. Il Tribunale aveva ritenuto che il danno si era verificato, dopo la nascita; il danno era di natura extracontrattuale; l’azione prescritta; si esulava dall’ambito contrattuale, atteso che […]

Corte di Cassazione – sezione V penale – nr. 20060 del 4 aprile 2013

Non vi è uniformità, sui criteri di interpretazione della legge, cristallizzati dalla norma contenuta nell’articolo 12 delle preleggi. L’illecito amministrativo dell’ente ha carattere autonomo e può quindi sussistere anche in mancanza di una concreta condanna del sottoposto o della figura apicale societaria come accade appunto nel caso di mancata individuazione del responsabile. Ritenuto in fatto […]

Corte di Cassazione – Sezioni Unite Civili – sentenza 21 febbraio 2013 n. 4283

Va ribadito il principio secondo il quale l’insindacabilità “nel merito” delle scelte discrezionali compiute dai soggetti sottoposti alla giurisdizione della Corte dei conti non comporta che esse siano sottratte al sindacato giurisdizionale di conformità alla legge formale e sostanziale che regola l’attività e l’organizzazione amministrativa, e quindi il giudice contabile non viola i limiti esterni […]

Corte Costituzionale 15 gennaio 2013 nr. 1

La immunità delle sedi è legata all’esistenza stessa dello Stato di diritto democratico, che verrebbe posta certamente in pericolo dall’esercizio non contrastabile dei poteri repressivi, anche nei luoghi ove si esercitano le massime funzioni di rappresentanza e di garanzia. La violazione delle sedi degli organi costituzionali potrebbe avvenire solo in uno Stato autoritario di polizia, […]