Corte di Cassazione – sez. III civile – sentenza – 5 aprile 2012 n. 5525

Anche in caso di «memorizzazione» nella rete Internet di dati provenienti da un archivio c.d. storico, deve riconoscersi al titolare dei dati personali, oggetto di trattamento, il diritto al relativo controllo a tutela della propria immagine sociale, il che può tradursi, anche ove trattasi di notizia vera, perché di cronaca, nella pretesa alla «contestualizzazione e […]

Corte di Cassazione – Sezioni Unite Civili – sentenza 14 marzo 2011 n. 5924

Mentre la lesione di un proprio diritto soggettivo inviolabile può essere fatta valere nell’ambito del rapporto di impiego anche in via di autotutela e, quindi, come causa giustificativa del rifiuto della prestazione lavorativa, allorchè tale lesione del diritto soggettivo è esclusa, non può essere fatta valere, come causa giustificante, la lesione di un interesse diffuso. […]

Corte di Cassazione – Sezioni Unite Civili – ordinanza 21 febbraio 2013 n. 4284

Non sussiste la giurisdizione italiana in relazione all’azione proposta contro la Repubblica federale di Germania per la condanna al risarcimento dei danni conseguenti alla tortura e uccisione di un congiunto della parte attorea nel 1944 ad opera delle forze militari tedesche, stante l’immunità dalla giurisdizione civile riconosciuta a tale Stato estero. La corte, rilevato che: […]

Corte di Cassazione – Sezioni Unite Civili – sentenza nr. 16035 del 28 giugno 2013

Non ha natura di atto politico ed è pertanto sindacabile dal giudice amministrativo la deliberazione del Consiglio dei Ministri che, ai sensi dell’art. 2, comma 3, lett. l), della legge n. 400 del 1988, rifiuti l’apertura della trattativa a cagione della non qualificabilità confessionale e religiosa dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti in quanto […]

Corte di Cassazione – Sezione I civile- 29 maggio 2003 n. 8600.

Il negozio in frode alla legge è infatti quello che persegue una finalità vietata in assoluto dall’ordinamento in quanto contraria a norma imperativa o ai principî dell’ordine pubblico o del buon costume ovvero perché diretta ad eludere una norma imperativa.  L’intento di recare pregiudizio ad altri soggetti non rientra di per sé nella descritta fattispecie […]

Consigli di Stato – Adunanza Plenaria del 28.1.12 nr. 1/12

In coerenza con i principi generali in tema di legittimazione e interesse al ricorso, l’atto di scelta del promotore nel project financing, è immediatamente e autonomamente lesivo, e immediatamente impugnabile da parte degli interessati. Non vi è semplice facoltà, ma onere, a pena di decadenza, di immediata impugnazione, sicché la scelta del promotore che non […]